redazione@gazzettadegliaurunci.it

Evento dedicato alla cometa di Neanderthal

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Al Parco astronomico di Rocca di Papa lo speciale evento dedicato alla cometa di Neanderthal

Lunedì 30 gennaio, a partire dalle ore 20:30, al Parco astronomico “Livio Gratton” di Rocca di Papa (RM) si terrà lo speciale evento “Osserviamo la cometa di Neanderthal” dedicato alla scoperta e all’osservazione della cometa C/2022 E3 (ZTF), che dà spettacolo nel cielo. A organizzare l’evento, l’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) impegnata da oltre 25 anni nella promozione e diffusione della cultura scientifica.

La cometa, che tiene tutti con il fiato sospeso e con il naso all’insù, proviene da lontano, dalla periferia del Sistema Solare, e si stima che abbia viaggiato per 50.000 anni per arrivare fino a noi. Ha raggiunto il suo perielio – cioè il punto di minima distanza dal Sole – il 12 gennaio 2023, a una distanza di 166 milioni di km. Il massimo avvicinamento alla Terra avverrà invece il 1 febbraio 2023, a una distanza di 42 milioni di km. Come spiegano gli esperti dell’Unione Astrofili Italiani (UAI) nella rubrica online “Il cielo del mese” (link), dalla sua scoperta – avvenuta il 2 marzo 2022 – la cometa ha incrementato notevolmente la sua luminosità e a partire dal 24 gennaio potrebbe essere visibile a occhio nudo. Sicuramente sarà ben visibile con l’ausilio di un semplice binocolo.

Uno spettacolo dunque da non perdere. Per consentire a tutti – adulti e bambini – di ammirare la cometa e di conoscerla in modo particolareggiato, il Parco astronomico di Rocca di Papa apre eccezionalmente le porte al pubblico nella serata del 30 gennaio. Ad aprire l’evento sarà una conferenza di taglio divulgativo a cura dell’esperto dell’ATA Emilio Sassone Corsi. “L’evento sarà l’occasione per parlare delle comete, per capire da dove vengono, soprattutto quelle remote e quasi aperiodiche come la cometa di Neanderthal – spiega il relatore della conferenza – Le comete sono portatrici di vita, al contrario di quanto credevano gli antichi, quindi sono oggetti di buon augurio. E’ infatti dalle comete che si sono formati i mari sulla Terra e la vita primordiale”.

Al termine della conferenza i visitatori del Parco astronomico potranno osservare la cometa e le altre meraviglie del cielo notturno, a occhio nudo e al telescopio. Gli occhi saranno puntati, per esempio, su Marte, ancora visibile per buona parte della notte nella costellazione del Toro, e su Giove, visibile nelle prime ore della notte sull’orizzonte a sud – ovest, nella costellazione dei Pesci.

Per maggiori dettagli e per prenotare consultare il seguente link:  

https://lnx.ataonweb.it/wp/events/osserviamo-la-cometa-di-neanderthal/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

link utili

sostienici

carte-2

periodico

Mese di Ottobre