redazione@gazzettadegliaurunci.it

AMBULANTI: LETTERA APERTA AL GOVERNO DRAGHI

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Al PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dott. Mario Draghi

Roma, 10 gennaio 2022

Al MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Dott. Daniele Franco

Al MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

On. Giancarlo Giorgetti

Oggetto: richiesta interventi urgenti a favore degli operatori ambulanti

Caro Presidente, gentilissimi Ministri,

con la presente siamo a rappresentare la gravissima situazione che si sta determinando in molti Comuni d’Italia nei quali i Sindaci – presi dal panico per l’elevato numero dei contagi che si registrano nelle realtà da loro amministrate – stanno sospendendo le fiere e mercati che, come è noto, si svolgono all’aria aperta e non sono tra le attività di cui il Governo ha stabilito la chiusura per contrastare la diffusione della pandemia.

Infatti, in varie parti d’Italia – nel Veneto come in Lombardia, in Basilicata, in Campania come nel Lazio o in Sicilia ed in molte altre Regioni – stiamo registrando incredibili e precipitose Ordinanze di chiusura di mercati e fiere, spesso emesse pochi giorni prima dello svolgimento delle stesse, causando ulteriori danni alle migliaia di operatori coinvolti che avevano già acquistato la merce ed i prodotti per partecipare agli eventi programmati e poi annullati. E tutto ciò sta accadendo nonostante che gli stessi operatori si siano adeguati a tutte le misure precauzionali anticovid stabilite non solo dai Comuni e dalle Regioni con le Linee Guida per lo svolgimento dei mercati e delle fiere, ma si sono sottoposti anche alla campagna vaccinale in atto e dunque sono in possesso della cosiddetta carta verde o green pass.

A nulla sono valsi gli appelli della nostra Associazione rivolti ai Sindaci ed ai Prefetti a revocare e bloccare le Ordinanze emesse. Purtroppo stiamo assistendo all’emanazione di Ordinanze spesso discriminatorie – in quanto in molti Comuni colpiscono la sola categoria degli operatori commerciali su aree pubbliche – contribuendo ad acuire la già fragile situazione economica che negli ultimi due anni A.N.A. Associazione Nazionale Ambulanti – UGL Viale Liegi 28 – 00198 Roma P.Iva 14323801002 – associazionenazionaleambulanti@pec.it ha provocato la chiusura di circa 10.000 piccole attività ambulanti. Si aggiunga che a causa della pandemia la utenza nei mercati è fortemente calata negli ultimi giorni.

A nulla sono valse le implorazioni che cercano di spiegare la conseguenza che molti ambulanti, essendo privati del loro lavoro nei mercati e nelle fiere e della loro unica fonte di sostentamento. si sono visti persino costretti a rivolgersi ai canali di finanziamento illegali o alla Chiesa.

I Sindaci da noi interpellati si sono dichiarati del tutto ignari degli effetti economici che producono le loro decisioni e si mostrano incredibilmente – ed a nostro avviso irresponsabilmente – disinteressati a conoscere le conseguenze materiali che producono a migliaia di ambulanti, alle loro famiglie, e persino alle filiere produttive che sono a monte dei mercati e delle fiere, o alle migliaia di piccoli imprenditori (meccanici, gommisti, allestitori, distributori di carburanti, consulenti vari, elettrauti, pompisti ecc.) che vivono anch’essi del lavoro degli ambulanti.

Purtroppo la nostra categoria per tentare di farsi ascoltare e spiegare le nostre ragioni, in alcuni casi non trova altra strada che promuovere clamorose iniziative di protesta, come quella svoltasi ieri a Cetraro in Provincia di Cosenza. Ma temiamo che la situazione possa degenerare ulteriormente per via dell’acuirsi della crisi economica e sociale e se dovessero sopraggiungere ulteriori Ordinanze di sospensione di altri Sindaci che non siano accompagnate da adeguate iniziative di sostegno alla categoria. Per queste ragioni vi chiediamo di intervenire con urgenza con un atto di indirizzo che blocchi e/o impedisca ai Sindaci di agire come autorità sanitarie in violazione delle decisioni del Governo e delle Regioni che non prevedono le chiusure dei mercati e delle fiere all’aperto in zona gialla o arancione.

D’altro canto vi chiediamo di comprendere le nostre ragioni e invitiamo a non mostrarvi insensibili.

Caro Presidente, egregi Ministri,

davanti alle questioni esposte vi imploriamo caldamente di farvi carico della grave situazione di emergenza che si sta determinando, oramai a macchia d’olio, in tutta l’Italia – e che è facilmente verificabile tramite le Prefetture – per assumere le decisioni urgenti che mettano in condizione la nostra categoria di reggere all’urto della pandemia e delle Ordinanze emesse dai Sindaci d’Italia e per aiutarla a superare la crisi economica in atto.

Per queste ragioni vi invitiamo a valutare la necessità di nuovi ristori a fondo perduto rivolti alla nostra categoria, nelle modalità che si vorranno ritenere più congrue ed efficaci.

A.N.A. Associazione Nazionale Ambulanti – UGL Viale Liegi 28 – 00198 Roma P.IVA 14323801002 – associazionenazionaleambulanti@pec.it

Vi invitiamo inoltre a prevedere l’estensione dell’esonero dal versamento del Canone Unico, già stabilito dalla Legge di Bilancio per i primi tre mesi del corrente anno, fino al 31 dicembre 2022.

Sicuri che le nostre richieste saranno valutate con la debita attenzione si ringrazia anticipatamente e si resta in attesa di riscontro.

Il Presidente Ivano Zonetti

Il Segretario Marrigo Rosato

 

A.N.A. Associazione Nazionale Ambulanti – UGL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

periodico

Mese di Ottobre

sostienici

carte-2

link utili