redazione@gazzettadegliaurunci.it

Ufficio Giudice di Pace di Fondi, solo strumentalizzazione: la nota della maggioranza in Consiglio

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

Siamo ormai abituati alle strumentalizzazioni politiche, ma mai avremmo pensato che qualcuno, pur di apparire, potesse arrivare a rivendicare presunti meriti su situazioni già risolte dall’Amministrazione e delle quali il Sindaco Beniamino Maschietto ne ha dato debito conto proprio nella seduta consiliare del 28 Settembre. Nell’ultima assemblea, infatti, un consigliere di opposizione ha posto un’interrogazione in merito alla necessità di individuare una soluzione per evitare il blocco del funzionamento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Fondi, a seguito di un incidente in cui è rimasto ferito un dipendente comunale, a cui auguriamo una pronta guarigione, assegnato alle funzioni di cancelliere del detto Ufficio, ma il primo cittadino ha risposto come la questione fosse già in via di risoluzione.
Il Sindaco, prima dell’interrogazione, si era infatti già attivato con gli uffici preposti e con il Presidente del Tribunale di Latina ed ha individuato altra unità lavorativa del Comune, già formata e precedentemente assegnata alle medesime funzioni, per sostituire temporaneamente il cancelliere, evitando quindi il blocco delle udienze, in particolare quelle penali, e il prosieguo dell’attività interna dell’ufficio del Giudice di Pace.

La sostituzione temporanea darà il tempo di proseguire con l’attività giudiziaria e nel frattempo provvedere, così come abbiamo provveduto, alla procedura di interpello interno all’Ente, al fine di trovare una figura che, previa specifica formazione e successivo autorizzazione con decreto del Presidente del Tribunale di Latina, possa sopperire alle esigenze dell’ufficio del Giudice di Pace.

Preme sottolineare che il Comune di Fondi, in ragione dell’importanza di detto presidio giudiziario a servizio del comprensorio, si è fatto carico da anni di tutte le spese, dirette ed indirette, registrando purtroppo la sola disponibilità dei Comuni di Monte San Biagio e Lenola.

A riguardo ringraziamo il consigliere regionale Giuseppe Simeone che, insieme ad altri colleghi, ha presentato un emendamento, approvato in sede di collegato al bilancio, per istituire un “Fondo per il mantenimento degli uffici del Giudice di Pace” favore dei comuni che ne hanno fatto richiesta tra cui anche Fondi.

In ogni caso, in attesa di sapere l’effettivo contributo della Regione Lazio, riteniamo necessario che l’Amministrazione comunale, come già avvenuto in altri comprensori, chieda e coinvolga tutti i comuni del comprensorio affinché ognuno in quota parte contribuisca, con risorse umane e/o economiche, al mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace di Fondi e ad un ulteriore implementazione dell’organico e della funzionalità di un Ufficio il cui mantenimento resta una priorità al fine di garantire ai cittadini e operatori del diritto di Fondi e dei comuni vicini un efficiente servizio di giustizia.

Forza Italia, Io Si, Litorale e Sviluppo Fondano, Democrazia Cristiana e Noi Per Fondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

periodico

Mese di Ottobre

sostienici

carte-2

link utili