redazione@gazzettadegliaurunci.it

Prima giornata nazionale della Chiesa italiana per la preghiera e la sensibilizzazione contro gli abusi verso minori

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp

18 novembre: Prima giornata nazionale della Chiesa italiana
per la preghiera e la sensibilizzazione contro gli abusi verso minori

In concomitanza con la “Giornata europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale”, anche la Conferenza Episcopale Italiana ha deciso di istituire, a partire dal 18 novembre di questo anno, la prima “Giornata nazionale di preghiera della Chiesa italiana  per le vittime e i sopravvissuti agli abusi, per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili”.

Era il maggio 2015 quando i 47 Stati membri del Consiglio d’Europa istituirono la Giornata europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale. Nell’evidenziare l’importanza di questa giornata, il Segretario generale del Consiglio d’Europa, ThorbjørnJagland, esortò gli Stati membri a sensibilizzare l’opinione pubblica sullo sfruttamento e l’abuso sessuale dei bambini: “Il nostro silenzio traccia un’invisibile protezione intorno agli autori di tali ignobili azioni. Abbiamo la responsabilità di infrangere i tabù dietro i quali si trincerano i pedofili, e i governi possono dare l’esempio, sostenendo le attività di questa Giornata europea.”

La decisione della Chiesa italiana di collocare la giornata nazionale di preghiera in concomitanza di quella europea si inserisce nel solco di quel cammino ecclesiale italiano di trasparenza e prevenzione a custodia dei più piccoli e delle persone vulnerabili, che ha portato all’approvazione delle nuove Linee guida per il contrasto agli abusi e il sostegno delle vittime (giugno 2019) e alla costituzione di una rete di Servizi per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, a livello nazionale, regionale e diocesano, con lo scopo di promuovere e consolidare prassi pastorali di prevenzione e tutela. 

Le diocesi del Lazio sud (Gaeta, Anagni-Alatri, Frosinone-Veroli-Ferentino, Latina-Terracina-Sezze-Priverno, Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo) dal 2020 comminano insieme per offrire strumenti e servizi per la tutela dei minori, con lo specifico mandato di svolgere attività di formazione e prevenzione all’interno delle comunità parrocchiali e diocesane.

Questo percorso si arricchisce ora di una apposita giornata nazionale di preghiera e di sensibilizzazione, che diventerà negli anni un appuntamento prezioso per ricordare il deciso impegno di tutta la Chiesa italiana: «Vorremmo dare a questa Giornata un significato importante, tutt’altro che formale – spiega l’arcivescovo di Ravenna-Cervia, Lorenzo Ghizzoni, presidente del Servizio nazionale CEI per la tutela dei minori – e certamente pregheremo per le vittime, chiedendo perdono al Signore per i peccati commessi anche dagli uomini di Chiesa, ma vorremmo anche che questa Giornata fosse un’occasione perché possa crescere la coscienza e la responsabilità del popolo di Dio nei confronti dei ragazzi e degli adolescenti affidati alla nostra custodia. Penso agli oratori, alle parrocchie, agli istituti, ma anche a tutte le altre attività».

Accogliendo l’invito a pregare per tutti coloro che sono stati vittima di abusi, condividiamo l’impegno con tutta la società civile, perché ciascuno, secondo le sue competenze e responsabilità, possa contribuire nella costruzione di spazi e luoghi sicuri per l’accoglienza e la crescita dei più piccoli. Info e materiali su tutelaminoridiocesilaziosud.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

periodico

Mese di Ottobre

sostienici

carte-2

link utili